Loading

Quartieri teatrali in movimento

Back to all Events

Procede il viaggio dei laboratori teatrali di quartiere di Casa di Khaoula e del Centro Interculturale Zonarelli, condotti dalle guide esperte di Cantieri Meticci. Dopo la pausa estiva e i primi mesi fatti per riprendere insieme le fila del discorso, dare il benvenuto ai nuovi arrivati e consolidare il nuovo gruppo attorno al solido nucleo originario, il mese di gennaio è stato dedicato a indagare i testi e i temi attorno a cui verteranno gli esiti finali del laboratorio.

Casa di Khaoula, si è scelto di esplorare un classico, l’Amleto di William Shakespeare: i partecipanti - inizialmente un po’ intimoriti - hanno iniziato a prendere dimestichezza con le parole del “bardo” a partire da brevi frasi declinate in improvvisazioni fisiche. Grazie al lavoro fatto ogni mercoledì sera, sono emersi temi, personaggi e sentimenti universali, quali l’amore, la sofferenza, il controllo sociale, la follia come fuga, la manipolazione, i poteri politici che opprimono l’individuo. Tutti i partecipanti - anche e soprattutto quelli che arrivano da lontano - a dispetto della lontananza linguistica del poeta, hanno iniziato ad accomodarsi e a sentirsi a proprio agio dentro un testo che all’inizio sembrava così lontano. Assieme alle azioni coreografiche e alle scene teatrali più tradizionali, l’Amleto di Casa di Khaoula sta anche imparando a giocare con la musica e il canto, in un percorso che si concluderà solo con il debutto a maggio 2019.

Al Centro Interculturale Zonarelli, nel quartiere San Donato, invece, il nucleo tematico attorno al quale cresce la drammaturgia è la solitudine. Non c’è un testo di riferimento - o meglio ce ne sono tanti - ma l’obiettivo principale è costruire una drammaturgia partecipata, dove ognuno dà il proprio contributo, con testi, immagini, canzoni, idee. Francesco, che guida il laboratorio del Centro Interculturale Zonarelli, spiega: “Lo spettacolo sarà un viaggio all’interno della mente dei personaggi. I personaggi si trovano tutti nello stesso medesimo luogo, isolato dal mondo, ma in realtà ognuno di loro è chiuso nei propri pensieri, nelle proprie angosce, succube di una ossessione che lo distanzia dal mondo e dalla realtà. Le storie si scontrano e si intrecciano ma non si mescolano mai, come tante linee rette all’infinito”. Con i partecipanti, Francesco riflette ogni mercoledì sera su cosa spinge una persona ad isolarsi, e cosa significa essere da soli e vivere la solitudine. Gli allievi partecipano in maniera attiva alla produzione dei testi che verranno messi in scena, ed insieme si creano azioni fisiche e immagini teatrali che andranno a comporre lo spettacolo finale.

Le Compagnie Meticce di Quartiere, create in anni di lavoro di rete sul territorio, sempre di più prendono forma e si fanno servizio culturale di prossimità per i quartieri coinvolti, piccole “palestre resistenti di meticciato sociale”. A Casa di Khaoula i partecipanti alle attività sono in media 20, 11 dei quali sono con noi da almeno un anno, e provengono da Italia, Marocco, Costa D’Avorio, Eritrea, Kurdistan iraqeno, Nigeria, Senegal. Mentre al Centro Interculturale Zonarelli i partecipanti sono 26 - 14 dei quali seguono da tempo le attività, e provengono da Italia, Iran, Nigeria, Pakistan, Costa d’Avorio, Mali. La percentuale di migranti, rifugiati e richiedenti asilo sul totale dei partecipanti si attesta sul 35%.

Assieme a questi il progetto Quartieri Teatrali prevede molti altri percorsi nei quartieri e nellepe scuole della città, pensati per promuovere la socialità, l'empowerment e l'apprendimento della lingua per chi arriva da lontano, e per decostruire le narrazioni ostili che sempre di più costellano le nostre città e promuovere narrazioni alternative dell'incontro e della conoscenza dell'altro.

 

Testo - Alessia Del Bianco

 

foto: Paolo Piscolla

Events like this
20190920
Sep 20 2019 to Sep 24 2019

Damascus 2045

Performance
Powszechny Theatre has announced its return with a new production directed by Omar Abusaada entitled "Damascus 2045" which will premiere in September 2019 in Warsaw. A dystopian performance based on the history of the ongoing war in Syria. Can you whitewash a long-term trauma? Does human memory have any chance in confrontation with electronic memory? Can „War of Liberation” be a better version of the war?
Read more
20190525
May 25 2019 to May 26 2019

Incredible Paths

Performance
During the multidisciplinary festival 'A Taste of the Other', Le Channel Scène Nationale de Calais invited people on a journey with an unusual itinerary along which they could meet four people who each have a unique point of view, an experience and a certain knowledge on the much-debated topic of migration. The “incredible paths” was an opportunity to create a space where short testimonials and concise reflections that shed light on questions raised by intercontinental migrations can be shared. 
Read more