Loading

Memoria esterna

Back to all Events

Esplorazione sonora di una Bologna non in vista: il laboratorio ‘Memoria Esterna’.
A cura di ZimmerFrei, alias
Massimo Carozzi, sound designer, e Anna de Manincor, filmmaker

Durante il laboratorio ‘Memoria Esterna’ condotto da ZimmerFrei sono accadute alcune cose, e i partecipanti hanno fatto azioni creative come:

raccontare un fatto accaduto
fare una registrazione audio digitale
trascrivere e riscrivere una conversazione informale per farla diventare un testo
scattare fotografie per comporre una serie
scegliere un’inquadratura
fare il ritratto di un luogo
inventare storie possibili e impossibili

I partecipanti hanno attraversato alcune zone della città attraverso l’esplorazione e la condivisione della loro esperienza in piccoli gruppi.
Il laboratorio è iniziato con una breve serie di domande e ha utilizzato la narrazione come strumento di connessione fra storia personale e storia collettiva – esplorando i rapporti di prossimità o distanza con i luoghi frequentati e privilegiando l’evocazione orale e la visualizzazione sonora dei luoghi. Cosa si vede di quello che si ascolta? Come si traduce il racconto del quotidiano in narrazione? Come si passa dalla conversazione informale al racconto compatto? Cosa resta sempre invisibile?

I luoghi entrano in relazione con le persone, le cose accadute, dettagli, scorci, passaggi privati. Il territorio diviene mappa di luoghi specifici, indirizzi di storie personali, nodi in cui si biforcano diverse strade possibili, tessitura di posti in cui si sono viste accadere cose, sono apparse persone, altre sono scomparse, altre cose sono state immaginate e lunghe storie sono cominciate. 

Il gruppo di lavoro di ‘Memoria Esterna’ ha imparato a gestire autonomamente diversi tipi di registratori di suono e apparecchi fotografici (dal cellulare alla macchina fotografica ad alta definizione, dalla riattualizzata polaroid alla reflex meccanica caricata a pellicola). I materiali così prodotti sono stati trasferiti su una mappa sonora e navigabile, che verrà presto resa accessibile sulla piattaforma web del progetto Atlas of Transitions.

Testo, immagini e  audio – ZimmerFrei

Involved Artist
Laboratorio di ZimmerFrei
Condotto da Massimo Carozzi, sound designer
e Anna de Manincor, filmmaker

ZimmerFrei è un gruppo di artisti attivo dall’anno 2000, fondato a Bologna da Massimo Carozzi (sound designer e musicista), Anna de Manincor (filmmaker e artista) e Anna Rispoli (artista e regista). La pratica artistica di ZimmerFrei mescola linguaggi e contesti diversi: video e film documentari, installazioni sonore e ambientali, serie fotografiche, performance, laboratori partecipativi e progetti di arte pubblica.
A seconda dei progetti – sviluppati da uno, due o tre membri del gruppo – ZimmerFrei collabora con numerosi professionisti tra cui un direttore della fotografia, una curatrice, un’antropologa, uno sceneggiatore, numerosi musicisti e tecnici.

I recenti film e performance di ZimmerFrei sono dedicati all’esplorazione di contesti urbani e rurali in via di trasformazione in cui si formano e si disfano cittadelle e comunità temporanee. Esplorando i confini tra spazio pubblico e territori privati, ZimmerFrei ritrae situazioni quotidiane di lavoro e di vita, rendendole occasione di brevissime e instabili epifanie.

Events like this
20190114
Jan 14 2019 to Mar 31 2019

Forum Theatre in High Schools

Workshop
In January Forum Theatre workshops were organised by Tjeter Vizion NGO at the Children Culture center - Ex  Youth Center " Riemar" in Elbasan, involving a group of 10 university students, mainly with social work background. During the workshops, the group of participants worked on the creation of a performance exploring solutions to discrimination and exclusion, to be presented in various high schools in February and March 2019 in Gramsh, Elbasan, Cerrik. 
Read more
20180915
Sep 15 2018 to Sep 18 2018

‘Monuments of Conflict & Convergence’, a collaborative action: Phase One

Workshop
During a 4-day research workshop, six groups of students at NTUA joined Motus Terrae and local guides in a journey of discovery of Lavrion, in Greece, through the eyes of the people inhabiting the town.
Read more